Mich Schumacher: "Mio papà sarà sempre il numero 1"

Rufina Vignone
Dicembre 8, 2019

Il pilota della Ferrari Driver Academy ha poi rivelato il suo sogno: "Il mio obiettivo è la Formula 1".

Intervistato dalla stampa francese, Mick Schumacher ha parlato del proprio rapporto con il motorsport, sottolineando come le gare e le competizioni abbiano caratterizzato la sua intera infanzia. Per farlo servirà vincere il titolo in Formula 2. La categoria sarà diversa l'anno prossimo, tutti dovranno imparare il comportamento delle monoposto con pneumatici da 18 pollici (che arriveranno in F1 nel 2021; ndr). "Se a quel punto riuscissi davvero a fare il grande salto, allora avrei un piccolo vantaggio". "La scelta più logica è stata quella di rimanere in Formula 2". Un potenziale che verrà sicuramente espresso nel 2020, il suo quinto anno consecutivo con il team Prema con cui ha conquistato sia il campionato tedesco sia l'italiano di Formula 4 e il titolo europeo della Formula 3 nel 2018.

Infine, Mick ha concluso affermando: "Ogni mattina lavoro duramente per arrivare in Formula 1". Incidente per lui che ha sbattuto violentemente in curva 14 contro il muro, danneggiando l'ala posteriore e i piloni di supporto oltre alla sospensione. "È il più grande, e lo sarà sempre". Se un giorno qualcuno batterà suoi record? "E' sempre stato il mio eroe perché è mio padre e perché è una leggenda dello sport che amo". Sono salito per la prima volta su un kart all'età di 2 anni e a 4 su una moto. Vedevo mio padre gareggiare e non desideravo di fare altro. Adoro guidare, vedere i capi dei meccanici intorno a me, preparare il programma di questi test. Fai anche dei debriefing.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE