Lazio, Inzaghi. "Dobbiamo essere ambiziosi, ma pensare a giovedì"

Rufina Vignone
Dicembre 8, 2019

Ora non ci dobbiamo accontentare e guardare a giovedì. Nel calcio è un attimo e cambia tutto. Determinati gol alla Juventus si concedono.

Squadra da applausi: "Abbiamo creato tanto, tante situazioni che potevamo girare a nostro favore, un applauso a questi ragazzi". "Siamo stati bravi, concentrati e presenti". Ho un gruppo maturo, concentrato che ha ancora margini, credono in quello che proponiamo. Ma un applauso ai miei ragazzi è dovuto. "Oggi come oggi, gli uomini di Inzaghi, hanno il secondo miglior attacco della serie A, dopo la Juventus hanno fatto più punti di tutti in casa, con 17 all'Olimpico sui 21 possibili, hanno vinto cinque gare e ne hanno pareggiate due ed oltretutto hanno il miglior marcatore". La Juventus ti fa soffrire, ma siamo stati lucidi e non abbiamo mollato.

SCUDETTO - "Qui a Roma è un ambiente particolare, lo stadio ci ha trascinato". Stasera è stato un uomo in più, sono rimasti sempre con noi anche sotto di un gol. L'anno scorso siamo arrivati ottavi ma abbiamo alzato la Coppa Italia.

"I protagonisti sono sempre loro, io ho un staff di 10 persone che mi aiutano e chi va in campo sono i ragazzi". La classifica si sta delineando, noi dobbiamo goderci serate del genere o come quella di San Siro.

"Ma no, noi dobbiamo essere ambiziosi, guardare avanti, veniamo da 8 vittorie, è un momento importante, dobbiamo guardare noi stessi con equilibrio, siamo fiduciosi ma io lo ero anche a ottobre, perché vedevo una squadra che giocava, proponeva e sapevo che sarebbero arrivati i risultati".

EPISODI - "Se devo essere sincero probabilmente il pareggio, anche se la partita ce l'avevamo in mano". Siamo in un buon momento, ho sempre avuto fiducia nella squadra, anche quando le cose non andavano bene.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE