Brexit, ipotesi e-visa e passaporto per gli europei

Bruno Cirelli
Dicembre 4, 2019

Se il partito conservatore dovesse vincere le elezioni del 12 dicembre otterrà la maggioranza assoluta in Parlamento e in tal caso il premier Boris Johnson farà approvare in tempi stretti l'accordo da lui concordato con la Ue e attuare Brexit entro la scadenza prevista del 31 gennaio 2020 e salvo accordi diversi, la stretta sull'immigrazione scatterebbe il primo gennaio 2021. Chi vorrà farlo, proprio come avviene negli Stati Uniti, dovrà ottenere un visto di lavoro. Parole propagandistiche, replica Diane Abbott, ministra dell'Interno ombra del Labour di Jeremy Corbyn, secondo cui la "hard Brexit" di BoJo e di Priti Patel indebolirà al contrario la cooperazione investigativa e d'intelligence con i 27 e di conseguenza "la sicurezza" del Regno. Un'altra novità riguarderà un sistema di visti elettronici, molti simile a quello attualmente utilizzato negli States, e che riguarderà i visitatori provenienti dai Paesi Ue e del Commonwealth.

Secondo il ministro Patel le carte di identità, spesso utilizzate dai cittadini europei, soprattutto da italiani e greci, sono facilmente falsificabili.

Il nuovo sistema di 'Electronic Travel Authorisation' (Eta), ha spiegato il ministro dell'Interno Priti Patel, renderà più agevoli le verifiche alle frontiere e faciliterà l'individuazione delle persone a rischio.

In caso di vittoria di Johnson, non basterà la carta d'identità. Inoltre verrebbe negato l'ingresso a chi ha precedenti penali, e si procederebbe al conteggio di arrivi e partenze dei turisti.

Non è chiaro se i Conservatori abbiano avanzato la proposta per reali rischi alla sicurezza del Regno Unito.

In base alle nuove regole, i turisti che arrivano dai Paesi Ue, Italia compresa, dovranno ottenere un visto elettronico almeno tre giorni prima di partire per la Gran Bretagna. Diversamente, se Boris Johnson dovesse essere sconfitto, tutto potrebbe essere rimesso in discussione. Una sconfitta dei Tory farebbe ritornare l'alone di confusione che ha contraddistinto fino a questo momento la Brexit.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE