F1, Vettel: "L'errore nel pit stop mi ha condizionato"

Rufina Vignone
Dicembre 2, 2019

Un'enormità, che li ha fatti sprofondare al quarto e quinto posto finale della sessione e che li pone più sul livello delle scuderie di centroclassifica che su quello delle Frecce d'Argento e della Red Bull. Lando Norris, su McLaren, e Daniel Ricciardo, su Renault, si sono infatti fermati a meno di tre decimi dal parziale di Vettel. "Però sono fiducioso. Con una buona partenza tutto sarà possibile". Gli ho detto solo questo. La realizzazione di un sogno, ho sempre sognato di essere in F1 e con la Ferrari. "Spero di poter regalare loro il successo che meritano". La sua prestazione odierna rispecchia le potenzialità della nostra vettura in questa gara e vederlo sul podio è stato importante: "ha disputato una bella gara, a coronamento di una bella stagione". Il DRS non ha funzionato nella prima parte di gara?

"Sul DRS non so cosa dire, evidentemente qualcuno lassù in direzione gara avrà dormito". Cambio gomme non perfetto al primo pit? "Ma non è colpa dei meccanici, loro sono il cuore della squadra". Alla fine stravince Hamilton davanti a Verstappen e Leclerc, a seguire Bottas, Vettel e Albon. Verstappen con gomme più fresche ha potuto poi superare Charles. La gara, tutto sommato, non è andata male anche se i circa 5 secondi extra, pagati durante la prima sosta ai box, non hanno di certo aiutato. E' davvero un peccato perché avrei potuto lottare per il terzo posto. Era molto difficile come obiettivo, qualcosa andava provato. Rischio penalità per Charles? Tra il monegasco e il tedesco, entrambi competitivi ed estremamente aggressivi, non c'è stato il tanto atteso confronto faccia a faccia. "Penso comunque che non sia un problema dal punto di vista tecnico, ma più sportivo". Siamo tranquilli, conosciamo procedure, sono convinto che sapremo spiegare eventuali incomprensioni.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE