Influenza, in Piemonte oltre 587mila le persone già vaccinate

Barsaba Taglieri
Novembre 30, 2019

E' stato dunque quasi raggiunto, con un mese di anticipo, il risultato della scorsa stagione. Una settimana dopo, il 7 novembre, sono saliti a 9.267 mentre a metà novembre si è arrivati a 17.163.

Numeri e le previsioni su questa influenza sono abbastanza allarmanti, ma i livelli di copertura vaccinale rimangono bassi, anche tra i soggetti a rischio. Ci vacciniamo, in generale, con la convinzione di prevenire una fastidiosa malattia di stagione e siamo meno orientati, anche fra professionisti sanitari, sull'importanza della vaccinazione anti-influenzale come protezione da assicurare ai nostri pazienti, in particolare ai più fragili. "Ad oggi la Regione Lazio ha già consegnato alle Asl circa 1 milione e 30 mila dosi di vaccino antinfluenzale con un notevole incremento rispetto allo stesso periodo dell'anno passato, +5,4% ovvero +53 mila dosi", lo ha dichiarato l'assessore alla Sanità e l'Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D'Amato, facendo il punto sulla campagna di vaccinazione antinfluenzale che nel Lazio ha preso il via il 15 ottobre e terminerà il 31 dicembre prossimo.

Il vaccino contro l'influenza gioca d'anticipo e fa il pieno di consensi: sono infatti oltre 587.000 le persone che si sono vaccinate a distanza di un mese dall'inizio della campagna promossa dalla Regione Piemonte, sulla base delle indicazioni del Ministero della Salute. I dati mostrano innanzitutto che pochi anziani chiedono informazioni sulle vaccinazioni: appena un anziano o un caregiver su tre lo fa, in due casi su tre per timore degli effetti collaterali e in un caso su cinque per scetticismo nei confronti dei vaccini "Questi risultati indicano che sarebbe indispensabile un'offerta proattiva delle vaccinazioni da parte dei medici". A differenza di quella antinfluenzale (che è stagionale), le vaccinazioni per pneumococco e per herpes zoster possono essere somministrate durante tutto l'anno.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE