Brasile, Bolsonaro contro DiCaprio: "Ha finanziato gli incendi in Amazzonia"

Bruno Cirelli
Novembre 30, 2019

Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro accusa Leonardo DiCaprio di finanziare gli incendi che stanno devastando l'Amazzonia dallo scorso agosto.

Giovedì scorso il figlio politico di Bolsonaro, Eduardo ha affermato su Twitter che DiCaprio ha donato 300.000 dollari alla "ONG che ha dato fuoco all'Amazzonia" e ha accusato il gruppo del WWF di aver pagato all'ONG circa 13.000 dollari per le fotografie della foresta in fiamme. "Incendiare la foresta. Scattano foto, girano video, una campagna contro il Brasile, si mettono in contatto con Leonardo DiCaprio e lui dà il denaro", ha dichiarato.

Questa vile attività di ONG internazionali come il WWF e tanti altri dall'Inghilterra che ficcano il naso in Brasile sta per finire! Qual è la cosa più facile? E in un messaggio su Facebook il presidente brasiliano, accusato da più parti di aver fatto aumentare la deforestazione per motivi economici e denunciato da due organizzazioni brasiliane per "crimini contro l'umanità" per presunta "istigazione al genocidio delle popolazioni indigene" dell'Amazzonia, ha chiesto che la gente, compreso l'attore Leonardo di Caprio, non faccia donazioni ad organizzazioni "che non proteggono l'ambiente, ma i propri interessi".

Ad aggravare la situazione anche i numerosissimi incendi dolosi che sono aumentati dell'82% rispetto al 2018 e secondo Bolsonaro l'attore sarebbe tra gli occulti promotori di questa vera e propria mattanza, nascondendosi dietro la facciata puramente irrisoria di ecologista portata avanti sui social.

Bolsonaro, entrato in carica a gennaio, ha ripetutamente espresso animosità nei confronti di attivisti ambientali, ONG e leader stranieri che si sono espressi in difesa dell'Amazzonia e hanno criticato la sua posizione sull'ambiente.

La polizia nello stato di Parà ha arrestato quattro volontari dell'associazione ambientalista Progetto Salute ed Allegria (Psa), accusandoli di aver appiccato incendi, ma rilasciandoli poco dopo.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE