L'Ungheria non parteciperà all'Eurovision Song Contest. Troppo gay friendly

Ausiliatrice Cristiano
Novembre 29, 2019

L'Ungheria si sarebbe ritirata dall'Eurovision Song Contest perché "troppo gay" per il governo di destra del Paese. András Bencsik, eminente commentatore televisivo ed editore della rivista pro-governativa "Magyar Demokrata", ha definito Eurovision una "flottiglia omosessuale".

Gli indizi poi sarebbero molti, secondo la ricostruzione delquotidiano inglese: alcune fonti interne alla MTVA, l'emittente nazionale ungherese, avrebbero segnalato un ostracismo verso programmi e format gay-friendly e inoltre anche un sito ungherese aveva ipotizzato poco tempo fa una possibile uscita dei magiari dall'Eurovision per motivi politici. Il portabandiera dell'Italia nell'edizione 2019 è stato Mahmood che, dopo il duplice successo di Sanremo Giovani e del Festival, è arrivato secondo con la sua Soldi. Una fonte dell'Mtva, un'emittente ungherese, ha detto al Guardian che "l'Ungheria supporterà i propri cantanti a livello nazionale", che non è una risposta.

E adesso c'è anche la polemica dell'Ungheria.

Invece di prendere parte all'Eurovision Song Contest nel 2020, sosterremo direttamente le preziose produzioni create dai talenti della musica pop ungherese. Questa l'incredibile notizia, rilanciata dal The Guardian, che vedrebbe come motivazione per questa decisione una visione "eccessivamente gay-friendly" del concorso per i gusti di Orban.

Hungary and Eurovision: fake news, fake news, fake news.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE