Napoli, Ancelotti torna a parlare: la conferenza LIVE

Rufina Vignone
Novembre 27, 2019

Parla il tecnico della SSC Napoli con la conferenza pre partita: seguila in diretta testuale su CalcioNapoli24.it e in diretta televisiva su CalcioNapoli24TV, canale 296 del digitale terreste.

Le notti Champions del Napoli vivono un intreccio paradossale: squadra mercoledì in campo contro il Liverpool ad Anfield per provare a ipotecare il passaggio ai quarti, mentre a casa busserà il postino con gli effetti dell'altra serata Champions, quella dell'ammutinamento post Salisburgo. A differenza dello scorso anno ci siamo conquistati una doppia possibilità di passare il turno. La società sa che deve fare meglio, i giocatori sanno che devono fare meglio, l'allenatore sa che deve fare meglio, siamo al lavoro per trovare una situazione.

Sulla gara di domani: "Klopp ci conosce bene e sa che gli possiamo creare dei problemi come nella partita d'andata o nelle amichevoli".

Dobbiamo fare molto meglio in campionato, dove abbiamo avuto poca continuità. "Siamo dispiaciuti, ma carichi". Questo fa parte della stagione, se ne esce con la volontà e l'impegno da parte di tutti a cercare di migliorare le cose. Nonostante la squadra sia attesa da un match importante e prestigioso come quello contro il Liverpool, a tenere banco sui media, in rete e tra i tifosi è la 'resa dei conti' tra la società ed i calciatori, con la partenza delle raccomandate. Prima o poi se ne esce. È un fatto legato ai risultati che avremmo voluto e non riusciamo a ottenere. Ci siamo preparati bene mentalmente a questa sfida.

Sulla partita e sugli indisponibili, aggiunge: "Matip sta migliorando ma non sarà convocato".

Su Insigne: "Ha provato ieri ma aveva fastidio al gomito".

Perché la dirigenza del Napoli ha deciso di stangare Lorenzo Insigne? Sarebbe venuto molto volentieri da capitano per aiutare la squadra, ma la sua indisponibilità è evidente: è uscito a Milano per infortunio. "Dobbiamo valutare Fabian e Mario Rui, per il resto tutti stanno bene e sono motivati".

Non mancano parole importanti sul suo futuro nel Napoli: "Alle dimissioni si può anche pensare, ma in trent'anni a me non è mai capitato di pensarci". In 30 anni di carriera non ho mai pensato alle dimissioni e non l'ho fatto neanche in questo periodo.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE