Calciomercato Juventus, futuro Chiesa: l'annuncio di Pradè

Rufina Vignone
Novembre 27, 2019

Queste le sue parole: "Con Luca abbiamo raggiunto un accordo di 5 anni". Sono contento perché è un ragazzo bravissimo e mi piace molto anche come calciatore. "Fa parte delle nostre pianticelle e noi confidiamo nelle sue capacità umane e calcistiche".

"Avevamo programmato un incontro". E' stato un bell'incontro. C'è voglia di dialogare e questa è la cosa importante. Federico ha ancora un contratto lungo e quindi non abbiamo fretta. "L'importante ora è che Chiesa stia bene e che ci faccia vincere le partite".

La reazione di Enrico? Ci sarà il momento giusto e parlerà anche Federico con la stampa. Ora c'è un momento di difficoltà e serve che lui faccia gol non che parli. Ovviamente non posso parlare per Enrico, ma Federico parlerà prossimamente. Ha chiesto di essere ceduto?

PEDRO. "Pedro è arrivato qui con il 45% di forza in meno degli altri, ha fatto un percorso di riabilitazione". Sapevamo cosa aveva. Abbiamo fatto un investimento importante perché l'abbiamo pagato tanto ma è stata una scelta ponderata da me perché non doveva far sparire Vlahovic. Volevamo maggiore riservatezza ma non rimane niente segreto. Ora è a completa disposizione. Non vedo niente di strano in questa situazione. Io ho avuto giocatori che per 6 mesi non hanno giocato, come Emerson. "Noi vogliamo tenerlo qua non vogliamo gestirlo come Gabigol". Zero pressione. Mai alla Juve? "Questo input non mi è stato detto". Il discorso però che abbiamo fatto oggi è stato costruttivo e non in chiave cessione.

"Non ho mai visto un trasferimento così grande a gennaio".

"Significa anche parlare di futuro".

Chiesa potrà giocare contro il Lecce?

"Un giocatore così importanti cerchi fino all'ultimo secondo di recuperarlo".

"Per me Federico aveva un risentimento all'adduttore". Io non ho fatto un caso. Montella voleva dire che a causa del problema fisico Chiesa non se la sentiva mentalmente a giocare. Non sorride? Basta dire che sia allegro, scuro in volto... si cade nel ridicolo.

CONDIZIONE. Come sta Chiesa?

MONTELLA. "Noi facciamo un lavoro in cui abbiamo grandi responsabilità e tutti siamo sempre sotto esame, domenica dopo domenica". Io ho dato una squadra completa al mister solo il 10 settembre. Ho chiesto a tutti di fidarsi perché è una stagione particolare, nata a giugno e per costruire ci vuole tempo. "Ma è normale, ci saranno sicuramente gli sbagli e cercheremo di migliorarci".

ANCORA SULL'INCONTRO. "Futuro? Abbiamo avuto un'apertura".

DUNCAN. "Si sta allenando sempre con la Prima Squadra". Lui adesso può giocare ma non ci sono segreti. "È un profilo molto interessante e ci crediamo". "Ce lo stiamo chiedendo anche noi perché non ce lo aspettavamo. Andremo a prendere dei giocatori forti ne sono certo". Ha detto che ci sarà un incontro con Enrico. Quello che dovevo dire, ve l'ho detto e ogni domanda in più è retorica. Positivo. Dove ci siamo detti tante cose. Dobbiamo essere bravi a far andare le cose nel miglior modo possibile. Deve essere una situazione secondaria. "Siamo sempre stati chiarissimi, serve fiducia e pazienza, poi si sbaglia e sarò il primo ad ammettere i miei errori".

CRISI DELLA SQUADRA. "Ce lo stiamo chiedendo anche noi, non ce lo aspettavamo".

Chance di vederlo in campo sabato? "Oggi ha fatto lavoro differenziato".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE