Black Friday: sciopero Amazon il 29 novembre 2019 a Torino e Cuneo

Paterniano Del Favero
Novembre 27, 2019

Hanno scelto i giorni immediatamente precedenti al Black Friday i lavoratori Amazon delle sedi di Marene e Brandizzo, nelle vicinanze di Chivasso, addetti alla distribuzione merci, per incrociare le braccia.

Uil Trasporti si è rivolta ad Amazon "per abbassare la produttività ed aumentare il personale". Il pacchetto è di 16 ore di sciopero, da domani, che si terranno senza preavviso.

La protesta è stata indetta dopo che i vertici aziendali non hanno dato risposte positive alle richieste dei sindacati. In tutto i lavoratori sono 300 a Brandizzo e 100 a Marene, numeri che raddoppiano nei periodi di maggiore lavoro. È bene specificare che lo sciopero riguarda non i dipendenti diretti di Amazon, ma delle imprese piccole e medie specializzate nelle consegne, delle quali il colosso americano si avvale. Amazon richiede che tutti i fornitori di servizi di consegna rispettino il Codice di Condotta dei Fornitori Amazon, e garantiscano che gli autisti ricevano compensi adeguati, siano trattati con rispetto, si attengano a tutte le normative vigenti e al codice della strada, e guidino in modo sicuro. Ciò non è un problema però perché l'iscrizione ad Amazon Prime può essere cancellata in qualsiasi momento, senza alcun tipo di penale. "Amazon assegna le rotte ai fornitori di servizi di consegna che poi le assegnano ai loro autisti sulla base della loro disponibilità".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE