Fiorentina-Atalanta del 27 febbraio, dai dubbi alle denunce per 28 ultrà bergamaschi

Rufina Vignone
Novembre 26, 2019

Denunciati dalla Digos di Firenze 28 ultras dell'Atalanta per i disordini avvenuti dopo la partita Fiorentina-Atalanta del 27 febbraio 2019 durante i quali rimasero feriti due agenti della polizia di Stato.

Le accuse sono quelle di possesso di oggetti atti ad offendere e travisamento, mentre per due l'accusa è anche quella di istigazione a delinquere.

Sempre in base a quanto ricostruito dalla 'squadra tifoserie' della Digos già nella fase prepartita gli ultras dell'Atalanta avevano cercato di aggredire sostenitori della Fiorentina, in particolare in prossimità di un circolo e di un bar in piazza Ravenna, tentando di scendere dai pullman ma venendo fermati e fatti risalire dagli agenti. Nei filmati si vede uno degli ultras che si reca nei pressi del Mandela Forum e, dopo aver urinato, ha acceso e lanciato dietro le inferriate della struttura un petardo che, dopo pochi secondi, è esploso dando così fuoco alle polveri.

Grazie all'ascolto dei microfoni delle telecamere, si distinguono chiaramente aggressive. Intercettato da una delle pattuglie poste a presidio sul percorso, il pullman è stato segnalato via radio ed agganciato anche da altri equipaggi che, con gesti eloquenti, avrebbero invitato l'autista ad aumentare l'andatura. Alcuni dettagli - gli autisti che secondo la Digos sarebbero stati sequestrati dagli Ultras, la presenza di alcuni tifosi viola al McDonald's sulla carreggiata opposta - contrastano apertamente con le testimonianze dei diretti interessati (ovvero gli autisti) e di chi si trovava all'autogrill. Nella circostanza un agente del reparto mobile, salito sul mezzo per bloccare i tifosi, è stato circondato e picchiato, riportando sette giorni di prognosi.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE