Snam: 6,6 miliardi investimenti al 2023

Paterniano Del Favero
Novembre 22, 2019

Nonostante "la crescente ambizione sulla transizione energetica, il ruolo del gas è definito da tutti come centrale", ha spiegato, "se si somma alla performance migliore del gruppo rispetto alle aspettative annunciate nel 2016 la domanda favorevole di gas e uno scenario regolatorio stabile in Italia", il risultato "ci consegna uno scenario favorevole e ci dà un posizionamento unico sul mercato". Snam ha presentato il suo programma triennale 2019-2023, nel quale ha aumentato il monte complessivo degli investimenti (+14% rispetto al precedente piano) e ha rivisto al rialzo le stime per l'utile per il 2019 (1,08 miliardi) e per il 2020 (1,1). Per il 2020 Snam si attende un utile netto in crescita a circa 1,1 miliardi milioni e un livello di indebitamento a fine anno pari a circa 12,4 miliardi di euro, escludendo l'assorbimento di circolante di natura tariffaria atteso a circa 100 milioni.

Il margine operativo lordo dovrebbe invece salire nell'orizzonte di piano del 3% medio all'anno. Nel periodo 2017-2023 la società guidata dal ceo Marco Alverà ha confermato un aumento medio dell'utile netto di oltre il 4% annuo, mentre l'utile netto per azione è previsto in aumento del 5,5% (superando il target di oltre il 5% nel precedente piano). In particolare, al 2023 è atteso un rapporto debito adjusted/RAB incluse consociate al 53%.

La RAB per i ricavi 2020 è attesa a circa 20,6 miliardi.

Snam conferma l'impegno a garantire agli azionisti una remunerazione attrattiva e sostenibile e il pagamento di un interim dividend. La crescita del dividendo è prevista essere del 5% annuo al 2022, confermando il target precedente. Il budget per gli investimenti, è stato spiegato, prevede 5,3 miliardi destinati al potenziamento della rete di trasporto del gas in Italia, core business della società controllata da Cassa depositi e prestiti; altri 800 milioni andranno a rendere più performante stoccaggio e rigassificazione e 400 milioni saranno destinati a nuove opportunità legate alla transizione energetica, tra cui gli investimenti green in comuni italiani come Taranto dove Snam è disponibile a destinare fino a 40 milioni di euro. Per il periodo 2019-2023 Snam ha previsto di raddoppiare gli investimenti nei nuovi business per la transizione energetica ad almeno 400 milioni, rispetto a 200 milioni del precedente piano.

Marco Alverà, Amministratore delegato di Snam, si è fermato con Affaritaliani.it per fare il punto sui principali obiettivi del piano al 2023: crescono gli investimenti così come cresce l'interesse nei confronti di possibilità e applicazioni dell'idrogeno.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE