Fs: ad oggi non ci sono le condizioni per un'offerta su Alitalia

Paterniano Del Favero
Novembre 22, 2019

Ma proprio per questo l'esecutivo potrebbe sfruttare questo ulteriore allungamento dei tempi per dare ai tedeschi tutte le rassicurazioni del caso, magari facendo leva sui buoni uffici di Angela Merkel a cui Conte martedì ha sottoposto un caso che si sta facendo sempre più scottante. "Domani (oggi, ndr) c'e' la scadenza dell'ultima proroga concessa al consorzio e autorizzata ai commissari, attendo di leggere cio' che il costituendo consorzio scrivera' ai commissari". A questo punto l'alternativa è tra la liquidazione e la richiesta di un'ennesima proroga, l'ottava. Fiducioso anche il ministro dei Trasporti Paola de Micheli: "Lufthansa o Delta siamo, con un po' di realismo, ragionevolmente ottimisti e positivi per la chiusura positiva della vertenza".

Lo scorso 15 ottobre il Consiglio di Amministrazione di Atlantia aveva inoltre sottolineato l'importanza di una soluzione a quelle venivano definite "alcune tematiche di contesto", ritenute essenziali per consentire la formulazione di un'offerta vincolante.

Il salvataggio di Alitalia è tornato in bilico dopo che Atlantia si è chiamata fuori visto che non condivide né il piano di Delta, che prevede la rinuncia a collegamenti e quindi a slot di grande importanza per non fare concorrenza alla compagnia americana, né quello di Lufthansa che non ritiene in questa fase di poter intervenire visto il rischio-paese. Ferrovie dello Stato nella giornata di mercoledì, alla vigilia della scadenza dell'offerta vincolante prevista oggi, ha constatato nel CdA svoltosi ieri che non ci sono le "condizioni necessarie" per il consorzio, preso atto che Atlantia si è sfilata e che Lufthansa non intende 'aprire il portafoglio'.

Delta ha "confermato la disponibilità a partecipare all'equity" con 100 milioni per una quota del 10%. Quanto alla proposta di Lufthansa, invece, il ministro ha affermato che "nella lettera di ieri Lufthansa chiede cose che si possono ottenere, ma l'unica cosa che veramente manca nella sua proposta è la compartecipazione all'equity". "Dal canto suo Fs conferma la disponibilità a proseguire il confronto per l'individuazione del partner industriale" si legge in una nota del gruppo. Un'estensione di un paio di settimane, venti giorni al massimo, purché l'intera operazione venga chiusa entro marzo 2020.

La palla passa ora ai commissari, che da mesi ripetono la necessità di fare presto.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE