"Mina Fossati", il disco in cantiere da oltre 20 anni

Ausiliatrice Cristiano
Novembre 21, 2019

Ecco il video della serata e le parole di Ivano.

Il disco contiene undici pezzi inediti, è prodotto da Massimiliano Pani per Pdu e Il Volatore, distribuito da Legacy-Sony Music.

5- La guerra Fredda. "Nell'album la cosa difficile è stata lavorare sulle due vocalità", spiega Ivano, "Io ho bisogno di più sillabe, per lei ho dovuto ridurre le parole e allungare le note". Sono rimasto alzato due notti per sistemare Luna diamante.

7-Tex-Mex. È una "canzone-sogno" blues-rock, scelta come primo singolo e ambientata in una sorta di deserto del New Mexico, con una pista polverosa. Sarà per quel capannello di entusiasti che si accalca davanti l'entrata della Sala Puccini, impaziente di entrare, tra sciarpe ingombranti, sorrisi e discorsi musicali e non.

8- Amore della domenica. Un vero e proprio dialogo tra due innamorati con domande, risposte e solletico.

9- Meraviglioso è tutto qui. "Mi hanno chiesto di fare meno cambi di tonalità possibili", ha detto sull'approccio armonico di un lavoro che doveva unire timbri molto diversi come quelli di Mina e Fossati. Mina arriva introdotta dagli archi e poi le due voci si fondono magistralmente, come accadrà per tutto il disco, per celebrare la forza dell'amore: "Nell' infinito di stelle / Qualcosa stanotte brilla / Anche per me / E tutto ha senso, c' è bellezza / Spazio, amore, aria di tenerezza intorno".

Parole lusinghiere da cui l'artista si smarca parzialmente, parlando invece del suo periodo di 'riposo': "In questi anni bellissimi di ritiro, sono stato in ozio". "Questo non e' un disco celebrativo, non e' un monumento ai caduti - ha aggiunto - ma credo che in questo momento non c'e' nulla del genere cosi' in giro, puo' piacere o non piacere, ma e' un disco che fa da riferimento". Ci sono canzoni per lei, altre per me e altre ancora adatte per entrambi. "Mi ha aiutato lei a scrivere tutte queste canzoni". Ne ho parlato a mia moglie che mi ha detto: 'Se dici di no a Mina, chiedo il divorzio'. Invece lavorare con lei significa lavorare con una grandissima musicista. Quando hai per contraltare un'interpretazione con una tale espressività, fai il tuo meglio: quando sentivo la sua voce nei nostri brani, volevo ricantarli per migliorarmi. È sempre avanti ed è una persona adorabile. "Fossati è un gigante come compositore".

Ha detto il cantautore: "Abbiamo di Mina l'idea che sia una grande cantante ma è anche una grande musicista". Abbiamo messo da parte solo un brano perché aveva un sapore dolciastro, non ci convinceva fino in fondo.

La prima cosa che viene in mente, ascoltando Mina Fossati, è l'arcobaleno: un evento fugace, raro, circoscritto, eppure bellissimo. E' attentissima e presente. Così ho cominciato a scrivere il disco. Fossati ha presentato il nuovo lavoro con la testimonianza del produttore dell'album, Massimiliano Pani, e la conduzione di Massimo Bernardini. Mina ha provocato Ivano, che alla fine si è incuriosito e ha iniziato a inviarmi i provini di una canzone dopo l'altra. Un elogio a Mina che l'artista sottolinea più volte nel corso della conferenza tanto da ritenre che tutte le 11 interpretazioni di Mina meriterebbero una lectio magistralis, perchè lei fa cose senza darlo a vedere che sono raffinatissime.

E' una di quelle serate autunnali che a Milano vengono benissimo: piove e fa freddo. Mina non prova mai: "arriva in studio e sa già se un brano va cantato con voce piena o con un filo, mi sorprende sempre". Ha concluso Fossati: "Questo è un disco sul presente".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE