Amazon ricorre contro l’assegnazione del contratto Jedi a Microsoft

Bruno Cirelli
Novembre 17, 2019

Amazon non accetta la decisione del Pentagono di affidare a Microsoft una maxi commessa sul cloud del valore di oltre 10 miliardi di dollari.

La divisione della società di e-commerce chiamata Amazon Web Services (AWS) domina il settore del cloud computing e fornisce di già i suoi servizi ad altri organismi del governo americano fra cui la Cia. "In numerosi aspetti del processo di valutazione del contratto ci sono delle lacune evidenti, degli errori e dei pregiudizi inequivocabili", sostiene un portavoce dell'azienda.

"AWS può contare su un'esperienza unica e sulle qualità necessarie - ha continuato il portavoce - per fornire all'esercito americano le tecnologie essenziali di cui ha bisogno". Amazon lamenta invece che la decisione del Pentagono è stata faziosa e influenzata politicamente. "E' importante che queste questioni siano esaminate e rettificate".

Una querelle che potrebbe finire in tribunale quella scoppiata tra due major del digitale.

Durante una conferenza stampa a Seoul, però, il capo della Difesa americana Mark Esper ha respinto le accuse ed ha affermato che "il processo è stato condotto liberamente ed in modo equo, senza alcun tipo di influenza esterna". Un contenzioso che sicuramente farà parlare ancora a lungo.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE