Ferragamo rallenta ulteriormente nel 2019

Paterniano Del Favero
Novembre 15, 2019

Per Equita Sim, che sul titolo ha un giudizio "hold" con target price di 18 euro per azione, in linea con le quotazioni odierne, Salvatore Ferragamo "rimane in fase di transizione" e le valutazioni attuali (26 volte il P/E al 2020 contro le 24,4 volte dei concorrenti diretti) "scontano correttamente la potenziale accelerazione incorporata nelle stime 2020-2021".

I ricavi si sono attestati invece a 994 milioni di euro, in miglioramento del 2,3% a tassi di cambio correnti e dell'1,9% tassi di cambio costanti rispetto al terzo trimestre 2018. A tassi e perimetro costanti (like-for-like) i ricavi sono cresciuti dell'1,4 per cento rispetto ai primi nove mesi del 2018 (-0,7 per cento nel solo terzo trimestre 2019), seppur penalizzati da minori ricavi nel canale secondario.

I costi operativi, al netto dell'effetto del principio contabile IFRS16, hanno registrato, nei primi nove mesi dell'esercizio 2019, un aumento a cambi correnti del 6,2% (+3,6% a cambi costanti), portandosi a 548 milioni di euro. L'area Asia Pacifico si è riconferma il primo mercato, registrando un aumento del 2,7%. L'utile netto di pertinenza del gruppo risulta pari a 63 milioni di euro rispetto ai 64 milioni del corrispondente periodo del 2018, segnando una diminuzione dell'1,5%.

Per quanto concerne le categorie merceologiche, le calzature hanno registrato ricavi in aumento del 3,4 per cento e le borse e accessori in pelle del 4,4 per cento rispetto allo stesso periodo del 2018. Le vendite dei profumi hanno riportato una diminuzione dell'11 per cento a cambi costanti.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE