Sampdoria 0-0 Atalanta: al Ferraris vince il vento. Ranieri: "Dateci tempo"

Rufina Vignone
Novembre 10, 2019

Lo ha confermato in conferenza stampa il dg della Dea, Umberto Marino, che si è presentato a sorpresa dinanzi ai microfoni per la consueta conferenza post-partita: "Perché non parla Gasperini?". Anche il primo sussulto della Samp si spegne sul fondo e lascia uno strascico: Bonazzoli innesca Jankto, che ci prova in spaccata. Non era semplice, certe gare nell'arco di una stagione possono capitare e vanno certamente accettate come episodi che non spostano di un centimetro i valori. Presente allo stadio anche il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero. Giornata fredda a Marassi, buona presenza di pubblico sugli spalti con oltre 1.200 ospiti arrivati da Bergamo. Ammoniti De Paoli e il Papu Gomez, i tre minuti che portano alla mezz'ora sono un'autostrada di occasioni.

La ripresa è decisamente più vivace già dai primi minuti di gioco: Jankto e Caprari creano due grattacapi a Gollini, una tentata rovesciata di Muriel anticipa gli ingressi in campo di Barrow ed Arana. Al 60' Malinovskyi si fa vedere con un bel numero al limite dell'area, ma la sua palla dentro per il centravanti colombiano viene girata malamente. È il tramonto del match per Muriel che esce per Barrow tra gli applausi dei suoi ex tifosi liguri. La frazione si chiude nel segno di Malinovskyi, vicino al vantaggio su una punizione respinta in grande stile dal portiere sampdoriano. Se il Cagliari e l'Atalanta possono vincere il campionato? Benedetta sosta, ci sarà tempo di recuperare al meglio tutti gli acciaccati e riprendere la corsa europea con immutata fiducia.

Audero; Bereszynski, Ferrari, Colley, Murru; Depaoli, Ekdal, Vieira (82' Bertolacci), Jankto; Quagliarella (70' Ramirez), Bonazzoli (13' Caprari).

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE