F1 | Jos Verstappen: "Le accuse di Max sono comprensibili"

Rufina Vignone
Novembre 7, 2019

Windsor, che fu anche team manager della Ferrari e della Williams fra gli anni '80 e '90, ha dichirato: "È abbastanza certo che la Ferrari ha fatto qualcosa con la fornitura di carburante". Secondo Verstappen infatti i risultati della seconda parte di stagione della Ferrari sarebbero dovute a delle irregolarità nel motore.

La Ferrari nel Gran Premio degli Stati Uniti non ha trovato il corretto assetto con Leclerc visto che le gomme non funzionavano e non c'è la controprova di Vettel che si è dovuto ritirare molto presto per il cedimento della sospensione posteriore destra.

Gravissime dichiarazioni di Max Verstappen, in merito al risultato della Ferrari nel GP degli Stati Uniti, rilasciate ai microfoni di Ziggo Sport: "Questo è ciò che accade quando smetti di barare".

"In precedenza, nei rettilinei vincevano con sei o sette decimi di vantaggio, ora è la metà".

Se la FIA archivierà il caso, come se le affermazioni di Max Verstappen fossero una ragazzata, allora la Ferrari farà bene a prendere suoi provvedimenti lasciando un mondiale senza credibilità ed emigrare nella formula statunitense: esattamente come minacciò di fare Enzo Ferrari quando l'allora presidente FIA, Jean Marie Balestre, intendeva imporre alle squadre un tipo di motorizzazione che al Drake non piaceva.

"Potrebbe non essere stata la sua dichiarazione più intelligente, ma conosco e capisco Max".

"Alla fine, se non lo puoi provare, non lo puoi nemmeno dire. Lui vuole vincere, e dopo la pausa estiva la Ferrari è diventata estremamente competitiva, relegando indietro la Red Bull. Ad Austin le Ferrari sono sicuramente diventate meno incredibili".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE