Basta "Order!": John Bercow lascia il posto a sir Lindsay Hoyle

Bruno Cirelli
Novembre 7, 2019

Lindsay Hoyle è il nuovo speaker della Camera dei Comuni britannica: laburista low profile, 62enne, pacato e conciliatore, sostituisce in tutto e per tutto l'eccentrico John Bercow, grande protagonista della tumultuosa pagina della Brexit che Hoyle ha ora il delicato compito di completarne la scrittura. Hoyle era vice speaker dal 2010 e ha già avuto modo di mostrare le sue doti in Aula.

I candidati alla posizione erano sette, ma a contendersi il titolo erano rimasti oggi l'altra vice speaker uscente, la conservatrice Eleanor Laing e il deputato laburista Chris Bryant, ex pastore anglicano entrato in Parlamento dopo aver lasciato l'abito ecclesiastico e aver fatto coming out. La sua vittoria però avrà al momento vita breve, perché la Camera verrà sciolta già domani in vista delle elezioni del 12 dicembre. In ogni caso, le probabilità che venga rieletto di nuovo Hoyle in qualità di speaker dei Comuni sono molto alte.

Lo humour non manca nella scelta dei nomi dei numerosi animali di casa: un pappagallo si chiama Boris come il premier Johnson e sa pronunciare le parole "Order order", formula brevettata di John Bercow. Al contrario del suo predecessore, non si e' mai sbilanciato sulla Brexit ma quando è stato necessario, ad esempio nel 2017 contro i nazionalisti scozzesi che cantavano l'inno europeo in pieno svolgimento dei lavori parlamentari, ha saputo tirare fuori gli artigli e zittirli. I suoi contrasti più celebri sono quelli con Tony Blair negli anni Novanta, a cui contestò l'introduzione delle rette universitarie e l'espansione dell'istruzione a pagamento nel Paese.

Deputato dal 1997, il politico del Lancashire è figlio d'arte: il padre Doug, novantenne, siede ancora alla Camera dei Lord. È noto per l'ammirazione che ha più volte espresso nei confronti della principessa Diana. Dopo la sua morte fu lui a proporre l'intitolazione di un ospedale o dell'aeroporto londinese di Heathrow: proposta che non venne accolta.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE