Moby denuncia UniCredit: "Ha impedito vendita delle navi"

Paterniano Del Favero
Novembre 2, 2019

Questi lamentavano il fatto che l'operazione avrebbe provocato una sensibile diminuzione del patrimonio a garanzia dei loro titoli e avevano quindi avanzato un'ipotesi di "insolvenza prospettica", poi respinta dal Tribunale di Milano. In cambio avrebbe dovuto ricevere le ben più vecchie King Seaways e Princess Seaways. L'operazione si sarebbe dovuta chiudere entro la seconda metà di ottobre ma Unicredit, in qualità di security agent, non ha dato il consenso alla liberazione delle ipoteche che gravano, a favore di tutto il debito garantito, sulle navi Moby Aki e Moby Wonder.

"La risoluzione è addebitabile a responsabilità di Unicredit spa che, in qualità di Security Agent, non ha dato il consenso alla liberazione delle ipoteche che gravano, a favore di tutto il debito garantito, sulle navi Moby Aki e Moby Wonder, nonostante fosse contrattualmente tenuta a fare ciò". Soluzione che era sembrata più vicina nei giorni scorsi, in cui si parlava di trattative in corso tra la società e gli hedge fund.

L'armatore conclude la nota con un messaggio chiaro all'indirizzo dell'istituto di credito: "Moby agirà in sede giudiziaria nei confronti di Unicredit per ottenere il risarcimento dei gravissimi danni causati da quest'ultima".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE