Younes: "Debutto in Champions col Napoli? Sarebbe speciale"

Rufina Vignone
Ottobre 23, 2019

Non sono stati convocati Maksimovic e Hysaj, ancora alle prese con i rispettivi infortuni, ma soprattutto Mario Rui e Faouzi Ghoulam.

Tuttavia se i tifosi riflettono sui punti persi in campionato contro il Cagliari e in Champions contro il Genk, l'ambiente è turbato anche da alcuni episodi extra-campo che denunciano una qual certa tensione interna.

Successivamente lavoro di possesso palla finalizzato alla fase offensiva, seguito da partita a campo largo.

Cosa è cambiato rispetto a venerdì nell'atmosfera? Voglio un Napoli presente, capace di utilizzare le qualita' individuali. "Siamo una squadra fantastica, ognuno vuole dimostrare il suo valore". "Sì, considerare 14 giocatori è molto importante". Piu' o meno la formazione l'azzeccate sempre, l'importante e' che l'azzecco io e tante volte la sbaglio io la formazione. Il risultato non lo puoi determinare, ma la prestazione sì. "È un'altra situazione: non si può comparare giocare con l'Ajax e giocare con il Napoli". "E' chiaro, se vinci fuori casa è importante nel girone". L'anno scorso abbiamo fatto due pari col Psg, in questo caso il doppio confronto col Salisburgo sara' determinante.

Per Younes, come giudica il Salisburgo? Il Napoli è una grande squadra. "Non ci dobbiamo nascondere e dobbiamo dare tutto in campo", ha commentato l'allenatore del Napoli che, finora, non ha mai vinto in Champions League lontano dal San Paolo. Rispettiamo il Salisburgo, una squadra piena di giovane, forte. I complimenti fanno sempre piacere, sono contento di incontrare anche il mio ex compagno dell'Ajax, Wober, da avversario, dopo il match saremo di nuovo amici. E, dunque, spazio alle suggestioni, alla voglia di confermarsi anche a Napoli. "È sempre speciale giocare in Champions". "Rispetto le scelte del mister".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE