Virus Ebola: primo via libera in Europa a un vaccino protettivo

Barsaba Taglieri
Ottobre 20, 2019

Via libera in Europa al primo vaccino contro Ebola. Il Comitato per i medicinali per uso umano (Chmp) dell'Ema, Agenzia europea del farmaco, ha dato l'ok per l'immissione in commercio condizionata nell'Unione europea di Ervebo per l'immunizzazione attiva di soggetti di età pari o superiore a 18 anni a rischio di infezione. Sempre in Africa è da poco impiegato, sempre in via sperimentale, anche un secondo vaccino. A luglio scorso l'Oms, Organizzazione Mondiale della Sanità, ha deliberato lo stato di emergenza internazionale di salute pubblica.

Malattia grave e molto contagiosa, Ebola non ha ancora una cura. Di recente il suo utilizzo, in Congo, è stato affiancato da un secondo vaccino, sempre sperimentale, prodotto dalla Johnson & Johnson. L'attuale epidemia nella Repubblica Democratica del Congo, ricorda l'Ema, ha mostrato tassi di mortalità di circa il 67%. "Le autorità di sanità pubblica nei Paesi colpiti dall'Ebola necessitano di medicinali sicuri ed efficaci per poter rispondere alle epidemie e salvare vite umane".

Per accelerare le valutazioni cliniche del vaccino, negli ultimi cinque anni, l'Oms ha convocato esperti per mobilitare una coalizione multilaterale, in una sorta i corsa contro il tempo, così da trovare un'arma pronta per successive epidemie. Più di 3.000 persone sono state infettate finora. "La mia più profonda gratitudine - aggiunge Tedros - è per i volontari degli studi, i ricercatori e gli operatori sanitari che si sono messi a rischio per ottenere questo risultato".

Attualmente non esistono terapie approvate per l'Ebola.

"Si tratta di un passo fondamentale per alleviare il peso di questa malattia - commenta Guido Rasi, direttore di Ema -". Ora toccherà alla Commissione europea esprimere il parere definitivo per la commercializzazine del vaccino in Europa.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE