Manovra economica 2020, triplicata la tassa sui trasferimenti immobiliari

Paterniano Del Favero
Ottobre 20, 2019

Per l'esattezza si legge: "innalzamento delle imposte ipotecaria e catastale sui trasferimenti immobiliari soggetti all'imposta di registro (prima casa, altri immobili) da 50 a euro 150 ciascuna".

Il Documento programmatico di bilancio appena varato dal governo, che contiene l'impalcatura della manovra 2020, prevede esplicitamente una vera e propria mini-stangata per il mercato immobiliare da anni in sofferenza. Contestualmente, però, si parla dell'aumento di cui abbiamo anticipato: i locatori che affitteranno stanze e case sfruttando questa possibilità dovranno, se confermato, pagare il 12,5% del reddito derivante da questo flusso di cassa, a differenza dell'attuale 10%.

Il governo ha poi previsto un aumento della tassazione sulla cedolare secca negli affitti a canone concordato a partire dal 2020.

In mancanza di interventi legislativi, la cedolare secca sarebbe scaduta alla fine del 2019: l'obiettivo è quindi confermarla e renderla strutturale, ma con un prelievo meno vantaggioso che in passato.

Tra le misure di revisione delle tax expenditures c'è anche l'aumento dell'imposta ipotecaria e catastale da 50 a 150 euro, sui trasferimenti immobiliari soggetti all'imposta di registro: prima casa e altri immobili. Un ritocco di segno opposto quindi, volto a "equiparare il prelievo tributario di queste imposte sui trasferimenti immopbiliari". L'imposta del 10% verrà innalzata al 12,5%.

Giorgio Spaziani Testa, presidente di Confedilizia ha così commentato la misura: "la cedolare sugli affitti calmierati è una misura sociale, condivisa da forze politiche, sindacati inquilini, operatori ed esperti del settore immobiliare". L'imposta catastale è dovuta invece ogni volta che si esegue una voltura catastale in seguito a cessioni, successioni, donazioni o costituzione di ipoteche e di diritti reali (come l'usufrutto).

Misure che, ad onor del vero, sono ancora in divenire e non già attualizzate, ma in base all'iter legislativo possiamo dire che le prime siano già a buon punto. "Inoltre, come rileva la nota di aggiornamento al Def, la cedolare ha determinato una riduzione senza precedenti dell'evasione fiscale nelle locazioni". Il rappresentante alla camera ha fatto un parallelismo tra i post autocelebrativi dei ministri grillini e l'aumento delle tasse ricordando, al pari del numero uno di Confedilizia, come questa misura abbia ridotto in modo sensibile gli affitti in nero ed evidenziato un gettito sicuro per lo Stato.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE