Lazio contro Gasperini: "Parole inaccettabili, offesa la professionalità di Immobile"

Rufina Vignone
Ottobre 20, 2019

L'allenatore dell'Atalanta si è molto lamentato per quanto visto all'Olimpico, in particolare per il primo dei due calci di rigore assegnati alla Lazio: "Gli episodi ci hanno penalizzato: ogni volta che arriviamo a Roma c'è qualcosa da sopportare, sui rigori non ci capisco più niente". Esse rappresentano anche una inaccettabile offesa alla professionalità ed alla correttezza di un giocatore come Ciro Immobile che non ha mai fatto ricorso a simulazioni di sorta nel corso della sua carriera. Abbiamo perso una Coppa Italia per gli episodi. Noi usciamo comunque contenti.

Nel finale, in pieno recupero, la beffa: Immobile va ancora giù in area e poi trasforma il penalty. Sono furbate, è una roba ridicola. Il giocatore si è sentito sfiorare, toccare. Prima frazione in cui la Dea ha letteralmente dominato in lungo e in largo: partita sbloccata da Muriel dopo una grande giocata di Gosens, poi lo stesso attaccante ha raddoppiato su punizione (complice uno Strakosha non attentissimo), infine Gomez ha portato i suoi sul 3-0 all'intervallo. Anche se di fronte a certi episodi si può far poco.

"Vi dirò di più, non c'era nemmeno il secondo rigore per come vedo io il calcio". E pure il secondo rigore non c'è: Immobile mette il piede davanti a De Roon e gli impedisce di andare sulla palla. Se vogliamo essere faziosi ok, ma questi non sono assolutamente episodi da rigore.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE