Politecnico di Milano, Aceti: "Vi spiego la ristrutturazione di San Siro"

Rufina Vignone
Ottobre 19, 2019

Il nostro studio va in questa direzione: non pensiamo a una demolizione, ma a una decostruzione di alcuni porzioni del terzo anello, con l'inserimento nelle torri di ascensori.

Torna l'appuntamento settimanale con i ranking firmati La Giovane Italia, che oggi vi tengono compagnia con la classifica di rendimento dedicata al campionato di Serie C, aggiornata dopo il nono turno della stagione.

E' questo in sintesi il pensiero del rettore del Politecnico di Milano, Ferruccio Resta, che è intervenuto in commissione al Comune di Milano per parlare del nuovo stadio che Inter e Milan vorrebbero realizzare sull'area dove adesso si trova il Meazza, e di quali sono le possibilità di ristrutturazione della struttura attuale.

Ricavi attesi a fine intervento: Limitati dall'insufficienza di aree premium e servizi aggiuntivi. Il progetto, infatti, ha l'obiettivo di creare uno stadio che sia in grado di ridurre l'inquinamento acustico, dunque le considerazioni finali per gli eventi musicali andrebbero fatte solo a costruzione ultimata. Milan e Inter non hanno dubbi e, tramite un comunicato ufficiale congiunto, fanno sapere nei dettagli l'analisi costi/benefici nel primo o nel secondo caso con cui, di fatto, prendono definitivamente la loro decisione.

"La valutazione di impatto acustico del nuovo stadio - si legge ancora nel verbale - presenta risultati che consentono di stimare in via preliminare una riduzione dei livelli di rumore soprattutto in riferimento allo svolgimento di eventi sportivi e manifestazioni musicali".

Ristrutturare lo stadio di San Siro "è molto complicato e difficile" ma "rifunzionalizzare" il Meazza, quindi destinarlo ad altro, "è possibile".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE