Il Vaticano lancia sul mercato il rosario indossabile interattivo

Bruno Cirelli
Ottobre 19, 2019

Le foto non mentono: l'eRosary è un vero e proprio rosario dal design tech, resistente ad acqua e polvere, caratterizzato da una croce cromata e 10 perle di ematite, che simboleggiano la solidità della fede. Come si intuisce fin da subito, l'eRosary si inserisce all'interno della più vasta iniziativa "Click to Pray", che è una sorta di app - social ufficiale dove poter pregare, anche grazie all'account ufficiale di Papa Francesco che periodicamente condivide considerazioni e inviti alla preghiera. Si tratta di un dispositivo a forma di rosario - ovviamente - che funziona in accoppiamento ad un'applicazione mobile disponibile per Android e iOS. Il dispositivo può essere indossato come un braccialetto e si attiva facendo il segno della croce. Una volta attivato, l'utente ha la possibilità di scegliere tra pregare il rosario standard (tradizionale), un rosario contemplativo e diversi tipi di rosari tematici che saranno aggiornati ogni anno (di volta in volta per i giovani, per i migranti e i rifugiati, la Laudato si', le missioni, ecc.). Il software infine registra la progressione delle preghiere al posto dell'utente.

"Pensiamo di proporre una delle migliore tradizioni spirituali della Chiesa con le migliori tecnologie attuali", ha spiegato Frederic Fornos, direttore internazionale della Rete Mondiale di Preghiera del Papa. È il nuovissimo device digitale per aiutare i fedeli a pregare la pace nel mondo. Click To Pray eRosary, affermano gli organizzatori, "è un dispositivo interattivo, intelligente che funzionaattraverso un'applicazione. Auspichiamo inoltre, attraverso la rete dell'app Click to Pray, di raggiungere la comunità cattolica in tutto il mondo e unirla nella preghiera per le sfide dell'umanità come la salvaguardia dell'ambiente, la pace e la povertà".

Il rosario smart si può acquistare direttamente dallo store di Acer a partire da questo link e costa circa 99 euro.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE