Petrolio in rally: nave in fiamme nel Mar Rosso, si teme terrorismo

Bruno Cirelli
Ottobre 13, 2019

Un'esplosione si è verificata a bordo di una petroliera iraniana nel Mar Rosso, al largo della costa saudita. Questo è quanto riferisce la compagnia petrolifera nazionale dell'Iran.

Inoltre sarebbe stata smentita la voce che parlava di un incendio sul natante causato dai missili.

Le notizie hanno imposto al prezzo del petrolio di decollare: sia la quotazione del Brent che quella del WTI hanno iniziato a macinare guadagni superiori ai due punti percentuali.

L'attacco definito atto terroristico ha danneggiato i due serbatoi principali, ma l'Arabia Saudita non ha ancora diffuso notizie in merito all'attentato.

I prezzi del petrolio sono saliti dopo le esplosioni a bordo di una nave cisterna iraniana al largo della costa saudita, riaccendendo i timori di nuove tensioni in questa regione cruciale per la produzione di oro nero. Le esplosioni, ha riferito l'agenzia Irna citando l'ufficio di pubbliche relazioni della National Iranian Tanker Co, sono state probabilmente causate da missili e hanno provocato una fuoriuscita di petrolio.

La nave non ha preso fuoco ed è in condizioni stabili, tutto il personale "è in condizioni di sicurezza", aggiunge l'Npc.

Il ministro della Difesa Usa, Mark Esper, ha autorizzato il dispiegamento di 3.000 soldati -oltre ad attrezzature militari, tra i quali missili Patriot- in Arabia Saudita.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE