Nuovo stadio, la grande scusa di Milan e Inter

Rufina Vignone
Ottobre 11, 2019

I cittadini che abitano nella zona di San Siro hanno espresso le loro perplessità sul progetto di edificare un nuovo impianto al posto dello storico stadio di San Siro. È quanto ha decretato il particolarissimo derby che martedì sera è andato in scena al parlamentino del municipio 7, dove Inter e Milan - per una volta dallo stesso lato del campo - hanno presentato ai residenti del quartiere i progetti per il nuovo impianto. Quello che manca al Meazza oggi sono i posti corporate, oggi la capienza dei posti dedicati alle aziende sono il 4% e noi vogliamo portarlo intorno al 12%, perché ci sono molte aziende che vogliono avere posti a San Siro per poter creare situazioni di business. Per competere ad alto livello in Europa serve un nuovo stadio e servono nuove infrastrutture all'altezza degli altri club europei.

Sempre più spesso si parla della possibilità di scegliere un'altra area alle porte di Milano per costruire il nuovo stadio rossonerazzurro. "C'è la volontà da parte di nostra di sedersi ad un tavolo per cercare di recepire i suggerimenti e aprirsi al dialogo". Il Meazza ci sta a cuore. E' stata quasi una riunione di condominio nell'ambito di una discussione civile. "Quando di costruisce una nuova casa, ci sono certi fastidi delle vecchie strutture che possono essere evitati - ha aggiunto Scaroni -". Il quotidiano, però, fa l'esempio del Friuli di Udine, che ovviamente è più piccolo di San Siro, ma che è stato ristrutturato in due anni senza di fatto perdere neanche una partita.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE