Genny 'a carogna,la mia lite con Lavezzi

Rufina Vignone
Ottobre 11, 2019

Di Tommaso ha parlato innanzitutto di un confronto con Ezequiel Lavezzi quando il Pocho vestiva la maglia del Napoli nel corso della stagione 2012-13: "Litigai con Lavezzi e il portiere Navarro, perché da vero tifoso ultrà non vedevo di buon occhio il fatto che frequentavano una discoteca dove girava droga". "Gli dissi - spiega De Tommaso - guarda che l'ho fatto per te, gli spiegai la situazione e diventammo amici". E' quanto emerge dai verbali di Gennaro De Tommaso, meglio conosciuto come Genny 'a carogna, ex capoultrà dei Mastiffs, collaboratore di giustizia dopo qualche anno di carcere in seguito all'arresto per traffico internazionale di droga e al coinvolgimento con alcuni clan del centro storico della città. Dopo la condanna per traffico di droga ha iniziato a collaborare con la Dda, facendo mettere a verbale anche presunte pressioni della camorra verso il club partenopeo.

La lite con Lavezzi, l'incontro chiarificatore, l'appuntamento a Castel Volturno e le chiacchiere con Marino e De Laurentiis.

In diretta a 'Punto Nuovo Sport Show' su Radio Punto Nuovo, è intervenuto Leandro Del Gaudio, giornalista de Il Mattino che ha firmato gli articoli sulle rivelazioni del pentito 'Genny a' carogna': "Per le dichiarazioni di De Tommaso è stato aperto un fascicolo sui rapporti tra la sua persona e la società Napoli". I nuovi verbali sono stati depositati ieri mattina alla quarta sezione della Corte di Appello di Napoli e riportati diversi quotidiani. Io, pur consapevole di chi fosse il Lo Russo, gli risposi che ragionavo diversamente da lui, perché ero un tifoso. Quella discoteca è una discoteca che non ti appartiene. "Ma noi rifiutammo ribattendo che volevamo solo che il Napoli vincesse".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE