Milan: Elliott conferma Boban e Maldini

Rufina Vignone
Ottobre 9, 2019

Pioli? Sarà un'altra vittima.

Senza dimenticare che lo stesso Paolo Maldini pochi giorni fa aveva difeso a spada tratta l'allenatore riconfermandolo all'interno di un progetto che finora si è rivelato un completo fallimento. C'è poi chi si augura che sia solo 'una strategia': "Giusto far uscire nomi alternativi per stimolare una rapida chiusura, l'importante è che sia solo strategia". Palpabile il risentimento nei confronti della dirigenza.

IL RIMPIANTO - Fa male ai tifosi rossoneri parlar male di due idoli come Boban e Maldini: "Il pesce puzza sempre dalla testa". Ora la palla passa a Pioli, che dovrà lavorare sodo per cercare di rimettere in piedi una squadra molto giovane ed inesperta. Ma prima va risolto il contratto in essere con l'Inter e lì sono iniziati i problemi: Luciano chiede un'intera annualità, l'a.d. "Dalla formazione, agli interpreti, alle motivazioni (la squadra non correva e non pressava), all'aspetto psicologico".

E' il Financial Times, in un focus sull'avventura di Elliott alla guida del Milan, a riportare le parole del dirigente croato sulle due visioni, quella economica e quella sportiva, che devono convivere nel presente rossonero: "Il nostro sogno è avere risultati domani".

Più che una buonuscita è un derby. "Sarebbe il peggior tradimento della storia del Milan". Non è solo colpa loro" e infine: "Eh no, ora stanno lì e ci mettono tutto quello che possono per tirarci fuori dalla palta!

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE