De Ligt esce allo scoperto: "Alla Juve sto imparando una lezione importante"

Rufina Vignone
Ottobre 9, 2019

Prestazione sufficiente del centrale olandese, macchiata però da quell'intervento sciocco di gomito che ha causato il calcio di rigore poi trasformato da Lautaro Martinez.

A soli 19 anni dover reggere il peso di 75 milioni in un campionato ultracompetitivo come la Serie A è uno sport per pochi e Matthijs De Ligt lo sa bene: l'avvio di stagione con la maglia della Juventus non è stato dei più agevoli per l'ex Ajax, ma secondo Ronald Koeman -ct dell'Olanda- è solo una questione di adattamento. All'inizio ho notato che ero molto preoccupato di non commettere errori, adesso mi sto sciogliendo piano piano. Non ho mai giocato in quel modo e nelle prime settimane ero troppo concentrato su questo fatto. "Così ho riordinato le idee e ho iniziato a entrare in campo con fiducia".

Ai microfoni di Fox Sports Matthijs de Ligt direttamente dal ritiro dell'Olanda, che sta preparando le gare con Irlanda del Nord e Bielorussia, ha raccontato le sensazioni vissute nella sua nuova avventura professionale alla Juventus. Sei in equilibrio su una linea così sottile difficile dire se lo stai facendo nel modo giusto o sbagliato. "Poi qualcosa potrebbe andare storto, ma poi sono certo che le cose andranno meglio di prima Da allora è iniziata la fase di miglioramento.". Domenica contro l'Inter avrei preferito non causare il rigore ma alla fine abbiamo vinto, ed è questo che conta. "È andata diversamente e questa per me è una grande sfida". La Juventus aveva due grandi difensori come Bonucci e Chiellini, avevo tutto il tempo per adattarmi tranquillamente. Ogni nuovo giocatore che si unisce al club deve avere il tempo di stabilirsi nella squadra.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE