Pensione a 64 anni: un’opportunità per pochi lavoratori, i sindacati chiedono novità

Paterniano Del Favero
Ottobre 8, 2019

Al momento, l'unica certezza, è che nel 2021 diremo addio a quota 100 e alla possibilità di ritirarsi a 62 anni (con 38 di contributi), mentre da subito ci vorranno 67 anni per andare in pensione di vecchiaia oppure 42 anni e dieci mesi di contributi per la pensione anticipata. Stando a quanto riportano le ultime notizie, alla Camera, una delegazione di donne del gruppo Movimento Opzione Donna ha incontrato Maria Pallini, membro della Commissione Lavoro, e Maria Eedera Spadoni, vicepresidente della Camera Maria Edera Spadoni, entrambe del M5S, per parlare di storie di donne che con opzione donna hanno potuto conciliare meglio famiglia e lavoro e che si sono dette ben soddisfate di sapere che l'opzione donna sarà ancora prorogata per il 2020. La soluzione sarebbe un intervento mirato in una nuova Riforma Pensioni.

Pensione anticipata donne: cos'è l'opzione donna?

Nel frattempo, nonostante il Nadef contenga misure di conferma di alcune novità pensioni, dalla quota 100 che resterà così com'è fino alla sua naturale scadenza, alla proroga opzione donna 2020, in questa settimana le recenti dichiarazioni Luigi Marattin e Tommaso Nannicini del Pd sono tornate a rilanciare su ulteriori novità pensioni su cui si dovrebbe riflettere per la prossima Legge di Bilancio 2020.

L'opzione donna, è un regime agevolato che consente alle donne lavoratrici in possesso di determinati requisiti e condizioni, di accedere alla pensione anticipata.

C'è quindi una categoria che non possiede i requisiti validi per poter accedere alla pensione anticipata entro il 31 dicembre 2021. "Con lo stesso clima costruttivo che si è respirato, ferma restando la sperimentazione triennale di Quota 100, venerdì pomeriggio al ministero del Lavoro si aprirà il tavolo sulle pensioni". Sia che smette di lavorare in tale data, sia che continui per i 3 mesi di finestra, la decorrenza della pensione le spetta a partire dal 1 ottobre 2020 (non capisco perchè le sia stato indicato il 1 novembre 2020).

Leggi le novità sulla riforma delle pensioni 2020 per quanto riguarda la Opzione donna proroga 2020, la Quota 41 e la Quota 100 pensioni.

Potrebbero, invece, essere prorogate tre importanti misure di flessibilità: l'opzione donna, l'Ape sociale e l'Ape volontario. Continueranno ad essere applicate le finestre di attesa, pari a 12 mesi per le dipendenti ed a 18 mesi per le autonome.

Pertanto, i requisiti di accesso regime pensionistico sperimentale opzione donna sono di due tipi: Età e contributi.

Ormai è certa la proroga dell'anticipo pensionistico previsto per le lavoratrici con almeno 58-59 anni di età (a seconda se dipendente o autonoma) e 35 anni di contributi versati. Aderendo al nuovo fondo, si avrebbe la possibilità di versare contributi obbligatori e volontari per crearsi una pensione più consistente. In cambio dell'anticipo della pensione, il trattamento sarà calcolato, come già avviene per l'attuale opzione donna, col sistema integralmente contributivo.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE