Berlusconi indagato nel procedimento sulle stragi mafiose

Ausiliatrice Cristiano
Settembre 29, 2019

I capi d'imputazione a carico dell'ex presidente del consiglio sono divenuti di pubblico dominio quando la Procura di Firenze ha depositato gli atti alla Corte d'Assise d'appello di Palermo.

I legali di Dell'Utri, imputato nel processo d'appello sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia, segmento siciliano della stessa inchiesta, hanno dovuto depositare alla corte d'assise d'appello, che celebra il dibattimento, la certificazione da cui risulta che l'ex premier è indagato a Firenze.

La 'difesa dei due Mattei' non passa inosservata e fa discutere, rilanciando le voci di chi, tra gli azzurri, nonostante le smentite, teme sempre di più su Forza Italia non solo l'opa salviniana ma anche quella renziana. Cioè se debba essere sentito come indagato di procedimento connesso, che gli darebbe la possibilità di avvalersi della facoltà di non rispondere o come teste puro. Una pregiudiziale che gela la famiglia e gli amici di Dell'Utri a partire dagli avvocati che gli sono stati vicini soprattutto dal punto di vista umano.

Sono le parole di Matteo Renzi, ex segretario del Partito Democratico, che in un post su Facebook difende Silvio Berlusconi. La deposizione e' prevista per il 3 ottobre, tuttavia Berlusconi, tramite i suoi legali, ha fatto sapere che non potra' testimoniare a causa di impegni istituzionali.

La nuova indagine su Berlusconi e Dell'Utri è stata avviata nel 2017.

Per Renzi "Berlusconi va criticato e contrastato sul piano della politica". Anche di Silvio Berlusconi. Siamo un paese giudiziario che farebbe ridere, non fosse tutto tragico. Poi l'inchiesta su di loro è stata riaperta a seguito delle intercettazioni in carcere dei colloqui del boss di Brancaccio Giuseppe Graviano, in cella dopo una condanna per concorso esterno in associazione mafiosa.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE