Afghanistan, esplosione in seggio elettorale: feriti

Bruno Cirelli
Settembre 29, 2019

Le vittime che hanno perso la vita sono due. Lo riporta l'Ansa. Una persona è morta in un'esplosione avvenuta a un seggio nel distretto di Sorkh Rod, nella provincia orientale di Nangarhar. Secondo i dati ufficiali gli elettori sono 9,6 milioni, il 35% donne, su una popolazione di 33 milioni di abitanti. Non solo: da mercoledi' sera le autorita' hanno anche vietato l'accesso alla capitale a tutti i camion e furgoni, per paura di autobombe. E' la quarta volta che l'Afghanistan torna a votare dalla caduta del regime talebano. Le cinquemila sedi elettorali sono state istituite in scuole, moschee e complessi ospedalieri in tutto il Paese, con un impiego di oltre settantamila uomini delle forze di sicurezza.

In questo primo turno delle elezioni correvano 18 candidati, ma sembra essere una sfida a due fra l'attuale presidente Ashraf Ghani e il suo capo dell'esecutivo Abdullah Abdullah.

Poco dopo, un altro ordigno è scoppiato all'interno di un altro seggio, questa volta a Kabul. La corruzione, la disorganizzazione e l'insicurezza la fanno da padroni. Una misura che di certo non faciliterà il voto femminile in un Paese dove ancora l'altra metà del cielo lotta quotidianamente, soprattutto nelle zone rurali, per i diritti più elementari. "Nei distretti ci sono anche meno persone rispetto alle precedenti elezioni", ha detto Nabiullah Baz, un parlamentare del distretto di Chapliyar, citato da Al Jazeera.

L'apertura dei seggi per le elezioni presidenziali questa mattina sono iniziate sotto il segno del sangue con un attentato esplosivo che ha causato diversi feriti. L'astensione resta un'incognita. I risultati preliminari sono attesi per il 19 ottobre e i definitivi per il 7 novembre.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE