L'assemblea della Carige approva l'aumento di capitale via libera alle Rurali trentine

Paterniano Del Favero
Settembre 20, 2019

Cento piccoli soci di Banca Carige, guidati dall'azionista Franco Corti, hanno presentato un esposto a Consob per l'assenza di trasparenza sull'aumento di capitale e sulle valutazioni che hanno portato a determinare il prezzo delle azioni della banca.

Rispetto all'odg, "il testo unico bancario afferma che il potere di convocare l'assemblea spetta ai commissari, previa approvazione della Banca di Italia ma non ci consente di fare nessuna variazione rispetto all'ordine del giorno che conoscete". Poi il voto che ha dato il via libera all'operazione di salvataggio. I commissari hanno ammesso di attendersi la mossa dell'imprenditore di Bobbio, presente in assemblea stamane con uno 0,1% di capitale a titolo personale, ma poi uscito dall'assisse prima del voto.

"Sono qui come piccolo azionista". Il conto del rafforzamento patrimoniale nel riassetto previsto è di 900 milioni: 700 tramite aumento, con dei warrant gratuiti collegati, e 200 tramite un prestito subordinato. "Aspettate. Sapete che siamo gente misteriosa", aveva risposto il patron di Malacalza Investimenti ai cronisti, prima dell'avvio dei lavori senza dare indicazioni sulle sue mosse, dopo che con l'astensione nell'assemblea del 22 dicembre scorso, aveva bloccato l'aumento allora da 400 milioni, con il commissariamento quindi dell'istituto deciso da Bce.

Quanto ad Amco-Sga, interverrà rilevando 3,1 miliardi di crediti deteriorati. La copertura della ricapitalizzazione avverrà grazie alla conversione del bond da 313,2 milioni, grazie a Cassa Centrale Banca (63 milioni) e grazie al Fondo interbancario che coprirà la quota mancante (85 milioni saranno offerti in opzione ai soci attuali).

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE