Commissione Ue, Gentiloni verso gli Affari economici

Bruno Cirelli
Settembre 12, 2019

Nel post, il premier ricorda l'importanza degli investimenti, a partire da quelli ambientali e sociali "nell'ottica di uno sviluppo sostenibile che dia nuovo impulso al mercato del lavoro italiano, evitando un'impostazione di bilancio pro-ciclica non adeguata alle prospettive economiche del continente". Tutt'altra musica suona oggi che il Conte-bis è stato addirittura ribattezzato come "governo Ursula" per sottolineare la convergenza registrata a Strasburgo tra Pd e M5S (e Forza Italia) proprio in occasione dell'elezione della Von del Leyen a presidente della Commissione Europea. L'ex premier considera il suo ruolo "di grande rilievo in un momento cruciale per il futuro dell'economia europea".

La squadra di Von der Leyen prevede 8 vice-presidenti, incluso l'Alto Rappresentante per gli Affari esteri e Pubblica sicurezza Josep Borrell. "Cercherò di onorare l'Italia, il governo che mi ha proposto, lavorando nell'interesse si tutti i cittadini europei".

Il tema sarà sul tavolo dell' l'incontro con Emmanuel Macron il 18 settembre e un mini vertice a 5 (Italia, Francia, Germania, Malta e Finlandia) con la Commissione europea è in agenda il 23 settembre a La Valletta per arrivare a un punto comune su redistribuzione e sbarchi.

Anche l'ex presidente del Consiglio italiano Enrico Letta ha manifestato le sue perplessità sulla definizione dell'incarico attribuito a Schinas, quello che in precedenza era, banalmente, il commissariato all'emigrazione. Si tratta dell'olandese Frans Timmermans, nominato quale vicepresidente esecutivo della Commissione Ue per il Patto verde con delega al Clima, la danese Margrethe Vestager è vicepresidente esecutivo per il Digitale, con delega alla Concorrenza.

"Ringrazio la presidente Ursula Von der Leyen per l'incarico che mi ha assegnato nella nuova commissione".

Ma se poi si va a guardare bene nelle pieghe della lista degli incarichi che la presidente Von der Leyen ha distribuito, si scopre che il mite Gentiloni rischia di essere un commissario sotto tutela. "Lo conosco da quando sono entrata in politica in politica e ho molto imparato da lui ed è un onore succedergli". A seguire colazione con David Sassoli, infilato dal Pd al posto che fu di Antonio Tajani, per chiudere con Jean-Claude Juncker, ancora alla guida della Commissione in carica in attesa dell'insediamento della Von der Leyen. La pattuglia più numerosa - con 10 commissari - fa capo alla famiglia dei socialisti europei, otto appartengono al Ppe e sei ai liberali di Renew Europe.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE