Mediaset, Vivendi ammessa al voto

Paterniano Del Favero
Settembre 2, 2019

L'assemblea della prossima settimana dovrà votare il progetto di fusione di Mediaset e Mediaset Espana nella holding olandese MediaforEurope Mfe. Dopo l'udienza di giovedi' scorso a Milano davanti alla giudice Amina Simonetti, e' arrivata oggi l'ordinanza del tribunale e Vivendi, che la ha accolta "con favore", ha confermato l'intenzione di votare contro il progetto "dopo aver valutato il venir meno dei diritti per gli azionisti di minoranza, e in particolare per Vivendi, alla luce dello statuto proposto per la nuova societa' Mfe". Il Tribunale di Milano ha riconosciuto al colosso francese "il diritto di prendere parte e di votare come socio al 9,99%" all'assemblea straordinaria che deciderà la nascita di MFE (Media For Europe), escludendo però i diritti di voto di Simon Fiduciaria.

Vivendi, difesa dagli avvocati Ferdinando Emanuele e Giuseppe Scassellati, potrà quindi votare con il suo 9,9% di diritti di voto proprio in virtù del congelamento della quota eccedente il suo 10% e oggi nelle mani di Simon Fiduciaria. "Simon Fid - scrive nell'ordinanza che l'Adnkronos ha potuto visionare - non potrà nell'assemblea di Mediaset esprimere il voto per le azioni detenute nella misura del 19,19%, essendo prevedibile, perché preannunciato, che Mediaset solleverà a Simon Fid, sulla base dei precedenti pronunciamenti, la medesima eccezione ex art 83 septies tuf e art 43 co 11 tusmar in occasione dell'assemblea, in tal modo "spezzando" quella notevole e influente partecipazione unitaria del 28,8% di Vivendi che, secondo Agcom, si pone in violazione del tusmar". "Ne consegue", ha aggiunto Mediaset, "l'esplicito divieto a Simon Fiduciaria a partecipare all'assemblea Mediaset del 4 settembre". I francesi, oltre al pacchetto detenuto direttamente, dispongono di un'ulteriore quota del 19,2%, conferita al trust Simon Fiduciaria per ottemperare alle disposizioni dell'AgCom a causa del superamento dei limiti stabiliti dal Tusmar, considerato che sono anche i primi azionisti di Tim con il 23,9%. "Mediaset sta tentando di impedire i più basici diritti degli azionisti per garantirsi illegalmente il controllo".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE