Dal 1° settembre obbligo immatricolazioni auto Euro 6d-Temp

Paterniano Del Favero
Agosto 31, 2019

Restano soltanto un paio di giorni, dopo i quali non sarà più possibile immatricolare sul suolo italiano vetture che non rispettino gli standard di omologazione Euro 6D-Temp, un'evoluzione dell'Euro 6 in vigore dal 2015.

Euro 6d-Temp
Test di omologazione

Per la prima volta al mondo, l'obbligo riguarda le emissioni reali della guida su strada che vengono calcolate sia dai vecchi test WLTP che da quelli RDE (Real Drive Emissions) e non come si faceva prima, che venivano presi in considerazione solo le prove simulate eseguite in laboratorio. Dunque, per breve tempo, i due test coesisteranno. Per i nuovi modelli e per tutte le auto di prima immatricolazione, a partire da gennaio 2020/2021 scatterà poi l'obbligo definitivo si rispettare per legge invece il livello Euro 6d Standard, che modificherà la tolleranza che ora c'è invece (temporaneamente) tra i test in condizioni reali e quelli effettuati in laboratorio. Parliamo di valori più alti rispetto al passato ma sicuramente più credibili. Nel 2020/2021 entrerà in vigore l'Euro 6d Standard e lo scarto allora scenderà al 50%, fissando gli NOx a 90 mg/km per i motori benzina e 120 mg/km per i diesel.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE