Centrale atomica galleggiante russa in partenza nell'Artico

Bruno Cirelli
Agosto 25, 2019

È questa la tratta che verrà affrontata dalla Akademik Lomonosov, la prima centrale atomica galleggiante, che parte oggi da Murmansk per Pevek. In totale 5.000 chilometri da percorrere, lungo l'Artico russo. A Pevek, in Chukotka, nell'estremo nord-est della Russia, la Akademik Lomonosov fornirà energia ad abitazioni e impianti industriali e minerari, sostenendo in questo modo le operazioni di estrazione nella zona, ricca di risorse naturali.

L'Akademik Lomonosov è di 140 metri (459 piedi) di lunghezza trainato piattaforma che porta due di 35 megawatt di reattori nucleari. Il progetto punta a rendere possibili le forniture di energia a luoghi remoti, ma alcuni esperti ritengono che il suo costo sia eccessivo. L'agenzia atomica della Russia, Rosatom, ha fatto sapere che la nave, trainata da tre rimorchiatori, è sicura e solida, capace di reggere l'impatto con un iceberg od un'onda anomale.

Allarme degli ambientalisti, che temono una "Chernobyl nel mare", a causa degli imprevisti che potrebbero accadere una volta in viaggio. A quanto pare infatti, alcuni Stati dell'Asia, dell'Africa e dell'America Latina sarebbero interessati al progetto.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE