Amazzonia: è record di incendi - America Latina

Bruno Cirelli
Agosto 21, 2019

La foresta pluviale amazzonica del Brasile ha registrato un numero record di incendi quest'anno, secondo i nuovi dati dell'Inpe, l'Istituto nazionale brasiliano per le ricerche spaziali brasiliano: l'incremento è stato dell'83% rispetto allo stesso periodo del 2018. I satelliti dell'Inpe hanno rilevato un aumento dell'83% dei roghi, da gennaio ad agosto 2019, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso: quasi 73mila incendi, rispetto ai 39.759 registrati in tutto il 2018. Anche la NASA ha diffuso immagini che mostrano le fiamme, visibili dallo spazio. Il fumo degli incendi, riporta la Bbc, ha provocato un blackout nella città di San Paolo, coperta da una nuvola grigia di fumo. I roghi infatti sono il più delle volte appiccati dagli uomini spesso per liberare la terra dagli alberi che impediscono l'allevamento di bestiame, l'agricoltura e altre attività produttive.

Il governo brasiliano guidato dal presidente Bolsonaro anziché intervenire a protezione della foresta incoraggia taglialegna, agricoltori, allevatori e minatori ad abbattere gli alberi, così da poter utilizzare la terra per le proprie attività.

In particolare, tornando all'Amazzonia, i critici accusano la politica ambientale del presidente Jair Bolsonaro, che punta sullo sviluppo invece che alla conservazione.

La foresta amazzonica è la più grande foresta pluviale del mondo e oltre ad ospitare circa tre milioni di specie animali e vegetali e un milione di indigeni, rappresenta un deposito di carbonio indispensabile per rallentare il riscaldamento globale.

Il lavoro dell'agenzia spaziale è stato difeso dai principali istituti scientifici e dall'ex direttore dell'Inpe, Ricardo Galvao, licenziato dopo aver assicurato che dati diffusi dall'agenzia sono precisi e accurati.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE