Lorenzo Fragola insulta Matteo Salvini: "È incoerente, vergognoso e pericoloso", la replica

Ausiliatrice Cristiano
Agosto 16, 2019

Il vincitore di X Factor 2014 sul suo profilo twitter non è andato per il sottile postando: "Salvini merda". "Complimenti". Un altro utente, inoltre, ha comunicato al cantante di aver segnalato il suo tweet come offesa recata a mezzo stampa.

Immediata la replica di Lorenzo Fragola che su Facebook ha chiarito meglio la sua posizione: "La protesta è protesta". Amen. Mi consolerò ascoltando altra musica. "Lorenzo, canta che ti passa". Io non mi sono mai riconosciuto nella destra o nella sinistra. "Non ho alcun album in promozione al momento nè voglia di ricevere mi piace da parte di un bel nessuno". Tra le tante cose ha detto: "Volevo protestare contro un personaggio politico che ritengo personalmente incoerente, vergognoso e pericoloso". Quest'ultimo brano, non a caso, è comparso come sottofondo in molti servizi per evidenziare l'abitudine di Matteo Salvini a intrattenersi con i suoi elettori per scattare dei selfie insieme a loro.

Probabilmente invogliato dall'esempio di libertà di pensiero politico mostrato dai catanesi nel giorno in cui Matteo Salvini ha tenuto il suo comizio elettorale nella città etnea, Lorenzo Fragola ha deciso di esporsi pubblicamente contro il leader leghista. In qualsiasi momento sarà possibile disdirlo inviando un messaggio con testo "STOP NEWS" allo stesso numero. La contestazione è sempre stata portata avanti con frasi forti e oltre le righe (chi è mai stato ad un corteo o una qualsivoglia manifestazione sa di cosa parlo). "Come del resto hanno fatto oggi migliaia di miei concittadini a Catania".

Evidentemente mi sbagliavo. Ora non voglio fare la vittima di tutto quello che mi hanno scritto, e vi giuro che in confronto mer*a è un complimento, perché sinceramente non mi interessa parlarne più se non interpellato.

E ancora: "Mi hanno insegnato anche che quando ricopri certi ruoli hai delle responsabilità".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE