Renzi lancia raccolta firme "per non eliminare gli 80 euro"

Paterniano Del Favero
Agosto 9, 2019

Addio al Bonus Renzi 2020, diventa detrazione o decontribuzione per finanziare la flat tax, ecco cosa cambia in busta paga: sembra ormai chiara e confermata l'idea della Lega e di Matteo Salvini di voler finanziare parte della flat tax attraverso la rimodulazione e trasformazione del famoso bonus 80 euro.

Il viceministro dell'Economia ha però precisato che l'addio agli 80 euro del bonus Renzi non comporteranno una variazione in busta paga: "Solo un 'pistola' può aver capito che si tolgono gli 80 euro".

Gli 80 euro di Renzi però, come ha più volte affermato la Banca d'Italia, servirono all'economia italiana a dare nuovi impulsi ai consumi, che erano tendenzialmente stagnanti. Ma questa favorirà chi ha redditi più alti e penalizzerà chi ha un reddito tra gli 8.145 euro e i 13.000 euro.

Il commento delle opposizioniIl primo a esprimersi sulle intenzioni del governo è stato, ovviamente, il "padre" della misura che si vuole eliminare, ossia l'ex premier Matteo Renzi.

Trasformarlo in una riduzione di imposta, in una detrazione, migliorerebbe i conti pubblici ma creerebbe un problema per chi è "incapiente" dal punto di vista fiscale, che non potrebbe più godere del beneficio.

L'annuncio è arrivato da parte della Lega all'incontro con le parti sociali.

Anche secondo il progetto della Lega le detrazioni scatteranno da poco più di 8.000 euro, per aumentare progressivamente sino alla soglia dei 13.000 euro, soglia che consentirà di utilizzare interamente i 960 euro annui di bonus fiscale.

"Eliminare gli 80€ sarebbe una follia".

Il bonus Renzi è stato molto criticato, anche per l'importo univoco (80 euro) riconosciuto senza differenziazioni in base al reddito percepito. Ma come è possibile che escludendo il bonus dalla busta paga un lavoratore nemmeno se ne accorgerà? Questo perché al di sotto della soglia minima il pagamento delle tasse è zero e, dunque, non c'è alcuna detrazione.

Un'altra opzione su cui sta lavorando la Lega di Matteo Salvini è quella di trasformare il bonus Renzi in decontribuzione fiscale, ossia di farlo valere a fini contributivi. "Per superamento si intende la trasformazione in decontribuzione". Quindi, possiamo dedurre che chi percepisce un reddito al di sotto dei 13 mila euro la misura di sostegno sarà inferiore, provocando un danno per chi ha più bisogno. Pertanto, coloro che disporranno di redditi più bassi di quella cifra si ritroveranno a percepire ancora meno che in passato. Il bonus non scomparirà del tutto, ma cambierà forma.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE