Scienziata britannica scomparsa in Grecia, era uscita per fare jogging

Bruno Cirelli
Agosto 8, 2019

E' stato trovato in fondo ad un burrone il corpo senza vita di Natalie Christopher, 35enne astrofisica anglo-cipriota scomparsa lunedì sull'isola greca di Icaria, nell'Egeo, dopo essere uscita per un jogging mattutino nella zona di Kerame. La 34enne è stata rinvenuta da un pompiere volontario, a un chilometro e mezzo dall'hotel in cui alloggiava con il fidanzato. La donna era uscita per andare a fare jogging ma non è più rincasata.

Non sono tuttavia ancora chiare le cause della morte. Ad allertare le autorità per le ricerche è stato il compagno, cipriota, della donna, che dice di non averla vista rientrare dall'abituale corsa mattutina lunedì 5 agosto. La polizia ellenica ha atteso 24 ore prima di iniziare martedì le operazioni di soccorso con un elicottero dotato di telecamere infrarossi. Ha provato a raggiungerla al telefono, ma non h mai risposto. L'uomo ha affermato che le macchie sono state provocate da un'emorragia dal naso.

Christopher era una scienziata e attivista di origine britannica che vive a Cipro, e che da tempo guida una campagna per la riunificazione dell'isola, attualmente divisa in due parti. La coppia era arrivata nell'isola sabato scorso con l'intenzione di fermarsi solo due giorni per poi dirigersi a Cipro.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE