Tampona e uccide un ragazzo nel Bergamasco, arrestato

Barsaba Taglieri
Agosto 5, 2019

Il responsabile è stato arrestato. Questa la prima ipotesi avanzata dagli inquirenti che stanno cercando di ricostruire la dinamica dell'incidente costato la vita a Luca Carissimi, 21 anni di Bergamo, avvenuto verso le quattro del mattino di domenica 4 agosto ad Azzano San Paolo, al confine con Orio al Serio in provincia del capoluogo orobico. Sul posto la polizia stradale di Bergamo, intervenuta con due ambulanze e due automediche del 118.

A Bergamo due ragazzi uccisi dopo la lite da un uomo, che ha deciso di vendicarsi in maniera crudele. Un alterco continuato poi fuori dal locale e conclusosi tragicamente con l'inseguimento a tutta velocità tra le vie di Azzano San Paolo. La vittima è Luca Carissimi, 21 anni, mentre Matteo Ferrari, 18, è gravi condizioni: in un primo momento la polizia stradale aveva dato la notizia del decesso di entrambi.

Il giovane al volante della vettura, che ha tamponato i due giovani che viaggiavano in scooter, avrebbe agito volontariamente a seguito di una lite.

Quel che è certo è che l'investitore, 33enne di Curno (Bergamo) viaggiava su una Mini Cooper e dopo l'incidente si è allontanato presentandosi solo dopo tempo alla Polizia. Sembra anche che fra i tre ci fosse stata prima una lite per futili motivi, forse degli apprezzamenti, poco graditi, a una ragazza. M.S. dopo la confessione ha avuto un malore ed è anche lui attualmente ricoverato presso l'ospedale Papa Giovanni dove resta piantonato dalle forze dell'ordine.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE