Proteste a Mosca con 600 fermi, fermata pure Lyubov Sobol

Bruno Cirelli
Agosto 4, 2019

Sarebbe dovuta essere lei a guidare le proteste di oggi a Mosca.

La donna è stata ammanettata mentre dal suo quartier generale si stava recando, in taxi, verso il centro della città. È stata lei a chiamare a raccolta i sostenitori dell'opposizione moscovita chiedendo di sfilare pacificamente lungo l'anello dei boulevard della capitale russa, la storica circonvallazione interna. Circa 15 mila persone si sono dette interessate sulla pagina Facebook dell'evento, anche se a confermare effettivamente la partecipazione sono stati in seimila.

I fermi a Mosca in seguito alle proteste in piazza salgono ad almeno 600, come riferisce Ansa tramite la ong OVD-Info, che monitora l'attività della polizia. "Perché avete i caschi, avete paura di una ragazza al ventesimo giorni di sciopero della fame?", ha chiesto Sobol ai poliziotti. Sobol si trovava a bordo di un taxi, in procinto di recarsi alla manifestazione, quando gli agenti di polizia l'hanno trascinata fuori dal mezzo e caricata su un furgone nero. "20.2", le è stato risposto da uno degli agenti che faceva riferimento all'articolo del codice russo che vieta le manifestazioni non autorizzate. Gli agenti in tenuta antisommossa presidiano i punti chiave dei boulevard.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE