Conte chiama Salvini e Di Maio: ultimatum su commissario Ue

Paterniano Del Favero
Agosto 3, 2019

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, venerdì 2 agosto alle ore 12:00 incontrerà per una colazione di lavoro a Palazzo Chigi la Presidente eletta della Commissione Europea, Ursula von der Leyen. Non è un compito facile ma non esistono soluzioni e risposte facili quando si tratta di condividere l'onere. Il mio obiettivo politico primario - ha detto a sua volta la presidente Ue - è superare le divisioni nord-sud, est-ovest, Paesi piccoli-grandi. E' necessario rivedere il concetto di ripartizione degli oneri. "Noi rivendichiamo un portafoglio economico di primo piano e riteniamo che sia adeguato a responsabilità e ambizioni che l'Italia vuole assumersi". E adesso, è il timore che Conte ha condiviso con i collaboratori, l'Italia rischia di perdere la Concorrenza. "Occorre un rilancio per il Sud e vogliamo il pieno sostegno dell'Europa", ha poi chiesto il premier. E così mercoledì il presidente del Consiglio ha chiamato Salvini e Luigi Di Maio, spronando in particolare il leader della Lega a indicare al più presto "un nome forte", perché la sabbia nella clessidra inesorabilmente scorre.

Tra gli argomenti toccati durante le dichiarazioni congiunte, Conte ha parlato anche del ruolo del parlamento europeo. Noi vogliamo che le nostre procedure siano efficaci, efficienti. La Leyen, arrivata a Fiumicino intorno alle 9.30 con un volo di linea da Bruxelles, in questi giorni è stata a Berlino, Parigi, Varsavia e Madrid.

Poi sulla nomina del commissario italiano: "Vogliamo che le decisioni assunte dalle istituzioni europee vengano percepite dai cittadini come chiare e trasparenti".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE