Ue: "Tasso disoccupazione a giugno più basso da 2000"

Paterniano Del Favero
Agosto 2, 2019

"Siamo arrivati al tasso più basso di disoccupazione da gennaio del 2012". Sono 29 infatti i punti percentuali di differenza tra il tasso di occupazione di Bolzano e quello della Sicilia nel 2018.

"Queste sono notizie che ci rendono felici". Il tasso di disoccupazione cala al 9,7% (-0,1 punti percentuali).

I disoccupati italiani sono calati di circa 29mila unità. I disoccupati sono diminuiti di 28mila unità, vero, ma i nuovi occupati sono soltanto 10mila. Il tasso di inattività è invariato al 34,3% per il quinto mese consecutivo.

Buoni i dati anche sulla disoccupazione giovanile, scesa di 1,5 punti percentuali rispetto all'ultima registrazione dell'Istat. Risultando però comunque al massimo storico dal 1977. Se nei primi mesi di esecutivo Conte la fase di stallo ha portato a uno scenario allarmante, nel corso dei mesi la situazione è migliorata in maniera considerevole rilanciando l'Italia almeno dal punto di vista dell'occupazione. Istat spiega che il risultato è frutto di una crescita tra le donne (+15 mila) e una diminuzione tra gli uomini (-21 mila). Si registra un'ampia divaricazione delle dinamiche occupazionali per tipologia, con una crescita dei dipendenti, sia permanenti sia a termine (+52 mila nel complesso) e una diminuzione degli indipendenti (-58 mila).

A giugno 2019, l'Istat registra una sostanziale stabilità nel numero di occupati, il cui dato congiunturale è in calo di 6mila unità rispetto al precedente mese di maggio, con la crescita dei lavoratori dipendenti (+53mila unità) compensata dal calo degli indipendenti (-58mila). Relativamente coerente anche le statistiche che pervengono riguardo chi, invece, non ha più un lavoro o non lo cerca: "Nell'ultimo mese si registra un calo dei disoccupati e una flessione più lieve degli inattivi".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE