È morto Hamza Bin Laden, il successore

Bruno Cirelli
Agosto 1, 2019

E' morto Hamza bin Laden, il figlio di Osama bin Laden e suo potenziale successore alla guida di Al Qaeda.

Lo stesso Presidente statunitense Donald J. Trump non ha voluto sbilanciarsi ulteriormente sulla vicenda, interpellato dai giornalisti dell'emittente Trump ha chiuso la conversazione a riguardo con le parole: "Non voglio commentare a riguardo". Gli Usa ritengono che potesse assumere le redini del genitore soprattutto dopo il duro colpo inflitto all'Isis in Siria. Nè, evidenzia Nbc, è chiaro se gli Stati Uniti abbiano avuto un ruolo nella vicenda.

Hamza aveva minacciato gli Stati Uniti di attentati terroristici per vendicare la morte del padre, ucciso nel 2011 in Pakistan da un commando del corpo speciale dei Navy Seals. Non si è mai saputo con chiarezza dove si trovasse dopo la morte del padre, avvenuta nel 2011: in Pakistan, in Afghanistan, in Siria o agli arresti in Iran. Uno dei suoi fratellastri aveva detto al Guardian lo scorso anno che Hamza poteva trovarsi in Afghanistan e che aveva sposato la figlia di Mohammed Atta, il capo dei dirottatori nella strage delle Torri Gemelle.

Hamza fin da giovane, era apparso con suo padre in diversi video di propaganda di al Qaeda. Nei mesi scorsi invece al Qaida ha diffuso sermoni dove Hamza invita i mujaheddin all'unità in Siria, esorta a colpire i paesi occidentali e gli sciiti.

Dopo la morte di Osama, la famiglia bin Laden si è trasferita in Arabia Saudita ma da quel momento Hamza aveva fatto perdere le sue tracce. Gli Usa lo avevano descritto come "un leader emergente di al Qaeda" che "ha minacciato attacchi contro gli Stati Uniti e gli alleati". Dal febbraio era stata fissata una taglia da un milione di dollari in cambio di informazioni. Hamza bin Laden era considerato dagli Stati Uniti uno dei nemici numero uno del Paese tanto che il Dipartimento di Stato aveva offerto una taglia di un milione di dollari a chiunque fornisse informazioni utili che portassero alla sua cattura.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE