Capital One, hackerate 100 milioni di richieste per carte di credito

Paterniano Del Favero
Luglio 31, 2019

Lo ha reso noto la stessa Capital One, precisando che gli individui colpiti dal furto negli Usa sono circa cento milioni, mentre in Canada sono circa sei milioni. L'attacco cibernetico, uno dei maggiori mai avvenuto nei confronti di un istituto di credito, è stato scoperto una decina di giorni fa ma è stato reso noto dalla banca solo martedì. Secondo quanto trapelato dalle prime indagini, nell'operazione sarebbero stati sottratti account previdenziali e bancari, nomi, numeri di telefono e indirizzi personali. In relazione all'hackeraggio, il dipartimento di Giustizia Usa ha reso noto che l'Fbi ha arrestato Paige Thompson, 33 anni, di Seattle, per frode informatica. Capital One ha spiegato di aver identificato l'hackeraggio già lo scorso 19 luglio e prevede che il danno si attesterà tra 100 e 150 milioni di dollari nel 2019, stima collegata alla notifica ai clienti, al monitoraggio del credito e al supporto legale.

Riguarda anche il Canada il massiccio furto di dati compiuto ai danni della Capital One, una banca basata in Virginia con una vasta attività nel settore delle carte di credito.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE