Addio Raffaele Pisu, l'attore dai mille volti

Ausiliatrice Cristiano
Luglio 31, 2019

Nato a Bologna il 24 maggio del 1925, Pisu si è spento nella notte nell'hospice di Castel San Pietro in provincia nel bolognese.

L'attore, morto a Bologna all'età di 94 anni, ebbe importanti esperienze a teatro, ma riuscì a raggiungere il grande pubblico attraverso il lavoro in radio, che negli anni del primo Dopoguerra, quelli dei suoi esordi, era della televisione l'anticamera.

Addio all'attore, comico e conduttore radiofonico e televisivo, Raffaele Pisu. Senza contare poi i musicarelli che avevano per protagonista Gianni Morandi, quali In ginocchio da te, di Ettore Maria Fizzarotti (1964), Se non avessi più te, (1965) e Non son degno di te (1965) e la partecipazione negli Anni Sessanta a trasmissioni indimenticabili come "L'amico del giaguaro", "Ma che domenica amici" e "Senza rete". Pisu fu un partigiano che combattè per liberare l'Italia e fu anche internato in Germania per quindici mesi.

Un triste giorno per lo spettacolo italiano. In radio, dove stava diventando sempre più celebre, il bolognese ha cominciato a interpretare anche alcune caricature dei personaggi allora in voga nei varietà.

Quando comparve in tv con Gino Bramieri e Marisa Del Frate nei "filmati" de "L'amico del giaguaro" (1961) il suo volto era già noto al pubblico; aveva infatti recitato in commedie brillanti all'italiana degli anni 50, partecipato al varietà di Metz e Marchesi "Lui, lei e gli altri" (1956) e al teleromanzo-musical "Valentina" (1958). Tre anni dopo, nel 1968, all'interno del programma "Ma che domenica amici", l'artista ha lanciato quello che diventerà una mascotte in alcuni varietà: il personaggio del burattino Provolino.

Nel corso degli anni Settanta e Ottanta, Pisu cominciò ad apparire sempre meno, ma negli anni Novanta affiancò Ezio Greggio alla conduzione della seconda e terza stagione di Striscia la Notizia. Il successivo decennio, invece, Pisu si è dedicato alle fiction televisive prendendo parte a serie come "Non ho l'eta", "Una vita in regalo" e "Don Matteo 6". Infine, nel 2007 torna a teatro con "Delitto perfetto" di Frederick Knott per la regia di Geppy Gleijeses e successivamente nel 2011-2012 è in tournée teatrale con la commedia "Se devi dire una bugia dilla ancora più grossa" per la regia di Gianluca Guidi.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE